IL CUORE NASCOSTO DELL'INDOCINA: VIAGGIO IN LAOS

- Laos -

IL CUORE NASCOSTO DELL'INDOCINA: VIAGGIO IN LAOS

Destinazione: Laos / Durata: 10 giorni
IL CUORE NASCOSTO DELL'INDOCINA: VIAGGIO IN LAOS

Per decenni il Laos si è rinchiuso nel guscio dei suoi confini, privi di sbocchi sul mare e delimitati dalle barriere naturali del fiume Mekong e delle montagne della Catena Annamita, quasi a volersi curare le dolorose cicatrici inflettigli dalla guerra condotta dagli Stati Uniti in Indocina. Questo isolamento ha consentito al Paese di sottrarsi alla frenesia della globalizzazione, di fuggire alla rincorsa forzata alla modernità che ha attanagliato i suoi vicini tailandesi e vietnamiti, di conservare un carattere indifferente al fluire del tempo e alla definizione di spazio. Il viaggio su misura in Loas che vi proponiamo vi permetterà di assaporare ogni angolo di questa terra poco conosciuta e fuori dai consueti itinerari turistici.

LE TAPPE - IL CUORE NASCOSTO DELL'INDOCINA: VIAGGIO IN LAOS

Giorno 1

Partenza dall’Italia

title=
Giorno 2

Luang Prabang - Arrivo

Arrivo all’aeroporto di Luang Prabang, incontro con la e trasferimento in Hotel. Resto della giornata a disposizione per riposo dopo il volo intercontinentale o per una prima visita individuale della cittadina. Ogni sera nella via principale di Luang Prabang si svolge un mercatino notturno in cui si trovano in vendita piccoli oggetti artigianali, tessuti, pietanze locali e souvenir di ogni tipo.

Posizionata sulle sponde del Mekong, Luang Prabang è la città più affascinante del Paese che si sta pian piano destando dal periodo di decadenza dovuto a decenni di guerra e rivoluzione. In questa piccola città, decine di deliziosi ristoranti offrono soluzioni per ogni palato. Lasciamo al nostro viaggiatore la facoltà di scegliere la soluzione più idonea alle sue necessità, sempre fornendogli tutte le informazioni necessarie e in tutta sicurezza, per godere appieno del suo tempo. Nella via centrale di Luang Prabang ogni sera si svolge un mercatino (night market) in cui è possibile trovare piccoli oggetti artigianali, tessuti, pietanze locali, bevande e souvenir di ogni tipo.

title=
Giorno 3

Luang Prabang

Giornata dedicata all’esplorazione della cittadina, conosciuta come la “Capitale del Buddha dorato” e dal 1995 inserita nella lista dei luoghi protetti dall’Unesco. Sosta al Royal Palace Museum, con la sua collezione di interessanti oggetti artigianali e reperti reali: il complesso fu la residenza del re Sisavang Vatthana che salì al trono 1959 e ancor prima di suo padre Sisavang Vong.  Tappa al magnifico Wat Xiengthong, uno dei templi più raffinati del Paese e celebre per il suo particolare tetto in tipico stile laotiano, risalente al XVI secolo. Il giro tocca anche il bellissimo santuario di Wat Mai, edificato nel XVIII secolo come monastero buddista con funzioni di cappella reale e lo stupa Wat Visoun. Sosta al Centro di Arte ed Etnologia per comprendere la varietà e ricchezza di minoranze etniche che vivono in Laos, ciascuna con propri costumi e tradizioni. A seguire breve escursione nei dintorni della cittadina per visitare i villaggi di Ban Xangkhong e Ban Xienglek i cui abitanti sono famosi per i loro eccellenti lavori tessili artigianali. Rientro a Luang Prabang e salita sulla cima del Monte Phousi (collina di 300 metri, situata nel cuore della cittadina) per una piacevole esplorazione dei segreti dello stupa dorato e per godersi dall’alto la bellissima vista della città e del Mekong.

title=
Giorno 4

Luang Prabang - escursione sul Mekong


Giornata dedicata ad un’escursione lungo il grande fiume Mekong: imbarco al molo e navigazione fino al villaggio di Ban Chan, rinomato per il suo artigianato di creta. Proseguimento in barca fino al tipico villaggio Ban Xieng Men e da qui salita a piedi fino alla cima della collina per visitare il Wat Chom Phet, tempietto edificato dall’esercito Siamese nel 1880, ed il Wat Long Khoum, tempio usato dai reali dell’epoca per le loro meditazioni. Proseguimento in navigazione fino al villaggio di Ban Kok Sa Moy e alle grotte di Pak Ou: Tham Ting e Tham Poum sono due cavità situate nella parte inferiore di un dirupo in pietra calcarea riempite dai fedeli con centinaia di statue di Buddha di ogni dimensione.
Sosta infine al villaggio Ban Xang Hai dove apprenderete il processo di distillazione della famosa grappa di riso laotiana “lao lao”. Rientro a Luang Prabang nel tardo pomeriggio.

title=
Giorno 5

Luang Prabang - Vientiane


Visita al Phousi Market, tipico mercatino locale dove si trovano in vendita pelle di bufalo secca, tè locale, verdure e prodotti tessili delle tribù locali. Proseguimento via strada fino al villaggio di Ock Pop Tok dove si potrà osservare il procedimento con cui la gente locale lavora la seta. Successivamente brevi soste presso altri interessanti villaggi abitati da etnie H'mong e Lao Loum. Arrivo alle bellissime cascate di Khuang Si dove è possibile rinfrescarsi con una piacevole nuotata in una delle piscine naturali (portarsi costume ed asciugamano) e/o effettuare una passeggiata lungo i sentieri della foresta. Nei pressi della cascata è anche possibile visitare il Bear Rescue Centre, un’organizzazione che protegge un particolare esemplare di orso Asiatico. Pranzo pic-nic presso le cascate e rientro a Luang Prabang in tempo utile per la partenza con volo di linea per Vientiane. Arrivo e trasferimento in Hotel .

title=
Giorno 6

Vientiane

Giornata dedicata alla visita della capitale laotiana, situata al confine con la Tailandia in una vasta pianura agricola bagnata dal fiume Mekong. Sosta al più antico tempio della città, il Wat Sisaket con le sue migliaia di statuette in miniatura di Buddha e a quello che una volta era il tempio reale di Wat Prakeo, che in passato custodiva la famosa immagine del Buddha di Smeraldo (Emerald Buddha).
Visita del sacro stupa di That Luang e proseguimento verso l’imponente Patuxay Monument, anche conosciuto come l’Arco di Trionfo laotiano. Sosta alla COPE, un centro di riabilitazione per persone che hanno avuto problemi con delle bombe inesplose abbandonate in Laos durante la Guerra del Vietnam.
Tuttora questo è il più grande problema che il Laos moderno deve affrontare e organizzazioni come appunto la COPE aiutano i locali ad affrontare queste problematiche. Visita del Buddha Park, a circa 30 minuti dalla città, con la sua particolarissima collezione di sculture di ispirazione buddista e induista.
Rientro a Vientiane e conclusione della giornata con un bel tramonto sulle rive del Mekong.

title=
Giorno 7

Vientiane - Pakse - Boulevan Plateau - Tad Lo

Trasferimento in aeroporto e partenza con volo di linea per Pakse. Arrivo e trasferimento via strada verso il Boulevan Plateau, un fresco altopiano affacciato sulla valle del Mekong, ricco di villaggi etnici e di paesaggi naturali. Sosta ad una piantagione di tè, alla cascata di Tad Fan e ad una piantagione di caffè; il microclima locale facilita la produzione di miscele di caffè di ottima qualità, destinate per lo più all’esportazione. Ulteriori tappe includono due villaggi di minoranze etniche: il primo, Ban Bong Neua, è un villaggio Alak, il secondo, Ban Kokphung è un villaggio Katu, etnia famosa per la tradizione di lasciare le bare sotto le case. Arrivo nel pomeriggio a Tad Lo e sistemazione in semplice lodge vicino alle cascate, in un paesaggio naturale incontaminato e isolato.

title=
Giorno 08

Tad Lo - Wat Phou - Khong Island


Visita alla cascata di Paxuam e poi proseguimento fino al bellissimo tempio pre-Angkoriano di Wat Phu, uno dei più interessanti complessi archeologici del Sud Est Asiatico. Qui si susseguono vasche celebrative, monumenti, templi e scalinate addossate alle pareti di una collina sacra, il monte Kao, la cui cima di forma fallica simboleggia il lingam. Al termine della visita, trasferimento lungo una strada parallela al Mekong fino all’area delle cosiddette Quattromila Isole. Attraversamento in traghetto del fiume e sbarco a Khong Island.

title=
Giorno 9

Khong Island - Khone Island - Champasak

Giornata dedicata all’esplorazione dell’area naturale delle Quattromila Isole, comodamente distesi a bordo di un’imbarcazione locale. Sosta all’isola di Khone, con le sue interessanti vestigia del passato coloniale francese (visita in bicicletta o, a scelta, in tuk-tuk) e alla cascata di Liphi, che forma una linea di frontiera naturale tra Laos e Cambogia. Da Khone Island si riprende la barca fino alla terraferma per poi proseguire via strada fino alle cascate di Khone Phapeng, le cosiddette “cascate del Niagara dell’Oriente” per le sue notevoli dimensioni. In questa zona vive il rarissimo delfino di acqua dolce dell’Irrawaddy di cui se ne potrà ammirare qualche esemplare, tempo permettendo e con un bel po’ di fortuna. Sbarco e proseguimento via strada fino a Ban Muang e da lì in traghetto fino a Champasak. Arrivo in Hotel e pernottamento.

title=
Giorno 10

Champasak - Pakse - Ubon Ratchathani - Partenza

In tarda mattinata trasferimento via strada a Pakse e da qui al confine tra Laos e Thailandia.
Proseguimento fino all’aeroporto di Ubon Ratchathani in tempo utile per la partenza con volo di linea per Milano o Roma.

Ti è piaciuto questo viaggio, vuoi richiedere più informazioni?

Compila il modulo e sarai subito ricontattato da un nostro consulente

Leggi queste condizioni di privacy e acconsenti